Home Libro Canzoni Ascolto canzoni d'amore Altre canzoni Chitarra battente
Tradizioni religiose Aggiornamenti Etimologie Fotoparole Filastrocche L'autore del sito
Disegni Paesaggi   L'@rtesino   Libro Proverbi
PROVERBI CALABRESI DALLA A ALLA ZETA

LETTERA A

A cacareddra un ci vò culu strittu.

Per la diarrea non serve il culo stretto.

 

A campana sona e San Marcu l'attona.

La campana suona e San Marco l'intona.

 

A cammisa c'un vò stari ccù mmia, a piju e'r'a strazzu.

La camicia che non vuole stare con me la prendo e la strappo.

 

A gatta pressalura fa'r'i gattareddri orvi.

La gatta frettolosa fa i gattini ciechi.

 

A carna minta carna, u vinu minta sangu, l'amicizza minta corni.

La carne mette carne, il vino mette sangue, l'amicizia mette corna.

 

A carna subba l'ossi lucia.

La carne sulle ossa riluce.

 

A casa chjina fa'r'a donna sapia, a casa vacanta a fa litrara e caminanta.

La casa piena rende la donna savia, la casa vuota la rende beona e girovaga.

 

A casa e pezzenti un manchinu stozzi.

Nella casa dei pezzenti non mancano i pezzi di pane.

 

A casa senza a fimmina è na lampa senza lucia.

La casa senza la donna è una lampada senza lume.

 

'A musica fa'd'abbaddrari i cecati.

La musica fa ballare i cechi.

 

A cavaddru lentu Diju li manna muschi.

A cavallo svogliato Dio gli manda mosche.

 

A ciangiri nu mortu è tempu perzu.

Piangere un morto è tempo perso.

 

A chini mi duna panu u chjamu patru.

Chi mi dà pane lo chiamo padre.

 

A chjanta e melu nascinu prima i pampini e po' i meli.

Sul melo spuntano prima le foglie e poi le mele.

 

A chjoviri e a moriri un ci vò nenti.

A piovere e a morire basta un niente.

 

A cosa cercata è menza pagata.

La cosa domandata per metà è pagata.

 

A crianza è de chi l'usa.

La buona creanza è di chi l'adopera.

 

A crapa ara prova ci lassa'r'i ricchj: si torna cci vota ci lassa'r'i corni.

La capra alla prova ci lascia le orecchie: se ancora ci torna ci lascia le corna.

 

A crapa ddruvu muzzica mmalena.

La capra dove morde avvelena.

 

A cuda è forta a r'a scurciari.

La coda è dura da scorciare.

 

A cumpagnia fa l'omu latru.

La compagnia fa l'uomo ladro.

 

A cumpagnia un'n'è bona mancu aru lettu.

La compagnia non va bene manco a letto.

 

A cumpidenza veni'r'a malacrianza.

La confidenza diviene mala creanza.

 

A Curta si chjama Curta però è longa.

La Corte ha nome corto però è lunga.

 

A Curta è bona a passari ma nò da porta meja.

E' bene che passi la Legge ma non dalla porta mia.

 

A cuscenza lesa fa l'omu pagurusu.

La coscienza sporca rende l'uomo insicuro.

 

A diri e no'un ti vena mai dannu.

A dir di no non ti viene mai danno.

 

A' dittu u suriciu ara nucia: Dammi tempu ca ti rusicu!

Disse il sorcio alla noce: Dammi tempo che ti rosico

 

A' dittu u suriciu ara gatta: Lassa ca vaju all'agghju c'aru casu c'è travagghju.

Disse il sorcio al gatto: Lascia che vada all'aglio ché al cacio c'è travaglio.

 

A fama caccia'ru lupu du voscu.

La fame fa uscire il lupo dal bosco.

 

A fatiga du jurnu da festa trasa da porta e nescia da finesta.

Il lavoro del giorno di festa entra dalla porta ed esce dalla finestra.

 

A fatiga si chjama Fata: amaru a chini li feta.

Il lavoro è una Fata piacente: infelice chi lo trova puzzolente.

 

A fatiga, si fossa bbona, l'ordinassa'r'u medicu.

Il lavoro, se facesse bene, lo prescriverebbe il medico.

 

A fera: o a feri o ti fera.

La fiera: o la ferisci o ti ferisce.

 

A fimmina à misu u diavulu ntu gummulu e l'omu ara crucia.

La donna ha messo il diavolo nell'otre e l'uomo in croce.

 

A fimmina chi rira e l'arbiru chi strida, pija gaccia e falli cadiri.

La donna che ride e l'albero che stride prendi l'ascia e falli cadere.

 

A fimmina c'un respunna a prima vucia è signu ca u cantari un li piacia.

Se la donna non risponde alla prima voce è segno che la canzone non le piace.

 

A fimmina e bona razza a cinquant'anni porta mbrazza.

La donna di buona razza a cinquant'anni ha figli in braccio.

 

A fimmina è com'a tigra: comu li giri i spaddri ti junta ncoddru.

La donna è come la tigre: appena le giri le spalle ti salta addosso.

 

A fammina è comu u tizzunu: cchjù t'abbicini e cchjù ti tingia.

La donna è come il tizzone: più t'avvicini e più ti tinge.

 

A fimmina quannu è beddra e natura cchjù sciocculiddra và, cchjù beddra para.

La donna, quando è bella di natura, più disadorna va più bella pare.

 

A fimmina quannu arriva'r'a quinnici anni o a mariti o a scanni.

La donna quando arriva ai quindici anni, o la mariti o la scanni.

 

A fimmina tena'r'i capiddri longhi e'r'u sentimentu curtu.

La donna ha i capelli lunghi e il cervello corto.

 

A fortuna è di lagnusi.

La fortuna è di chi si lagna.

 

A forza vena di stozzi.

La forza viene dai pezzi di cibo.

 

A freva lenta ammazza l'omu.

La febbriciattola ammazza l'uomo.

 

A gaddrina chi canta à fattu l'ovu.

La gallina che canta ha fatto l'uovo.

 

A gaddrina chi gira si ricogghja ccu'r'a vozza chjna.

La gallina che razzola ritorna col gozzo pieno.

 

A gaddrina fa l'ovu e aru gaddru li jusca'r'u culu.

La gallina depone l'uovo ed al gallo gli brucia il culo.

 

A gaddrina nivura fa l'ovu jancu.

La gallina nera depone l'uovo bianco.

 

A gaddrina si spinna quannu è viva, ca quannu è morta si spinna sula.

La gallina va spennata quando è viva: da morta si spenna da sé.

 

A gaddrina si spinna doppu morta.

La gallina si spenna dopo che è morta.

 

A gamma governa'r'a ganga.

La gamba nutre il dente.

 

A gatta ch'è mparata aru lucignu un si'n'ni cura ca s'abbritta l'ugni.

Il gatto che è abituato al lucignolo non si cura che si scotta le unghie.

 

A gatta c'un'n'arriva'r'aru salatu dicia ch'è pijatu du grancu.

La gatta che non arriva al lardo dice che sa di rancido.

 

A gatta vecchja, suricicchju tenniru.

Al gatto vecchio, topolino tenero.

 

A guardari all'univerzu è tempu perzu.

Guardare all'universo è tempo perso.

 

A guccia trapan'a'r'a petra.

La goccia scava la pietra.

 

A guccia a guccia si divaca'r'a gutta.

A goccia a goccia si svuota la botte.

 

A gutta si speragna quannu è chjna ca quannu è vacanta si speragna sula.

La botte si risparmia quando è piena: quando è vuota si risparmia da sé.

 

A jumu cittu un jiri a piscari.

A fiume quieto non andare a pescare.

 

A lavari a capa aru ciucciu cci perdi l'acqua e'r'u sapunu.

A lavare la testa all'asino perdi l'acqua e il sapone.

 

A linceddra va'r'all'acqua finu ca si rumpa.

La brocca va all'acqua fino a che si rompe.

 

A lingua vatta ddruvu 'u dentu dola.

La lingua batte dove il dente duole.

 

A lingua un'n'à'd'ossi e tagghja'd'ossi.

La lingua non ha ossa e taglia ossa.

 

A lustru e cannila né donna né tila.

A lume di candela né donna né tela.

 

A mala nova a porta'r'u ventu.

La brutta notizia la diffonde il vento.

 

A mal'erva un mora mai.

L'erba cattiva non muore mai.

 

A manipula è mmidiata.

La cazzuola suscita invidia.

 

A marzu ciciarazzi, ad abbrilu ciciri chjni.

A marzo ceci vuoti, ad aprile ceci pieni.

 

A megghja parola è chira c'un nescia.

La migliore parola è quella che non esce.

 

A megghja morta è chira chi vena'r'annavota.

La morte migliore è quella che viene all'improvviso.

 

A megghja risposta è'r'u selenzu.

La migliore risposta è il silenzio.

 

A megghja simentata sunu i jurni cuntati.

La migliore semina sono i giorni contati.

 

A mennula chi jura nta jennaru, un ci'n'ni minti ntu panaru.

Se il mandorlo in gennaio mette fiore poi non ne raccogli nel paniere.

 

A minzogna tena'r'i gammi curti.

La bugia ha le gambe corte.

 

A'm'maru avantatu un jiri a piscari.

A mare vantato non andare a pescare.

 

A morta un guarda n'faccia a nuddru.

La morte non guarda in faccia a nessuno.

 

A morta e unu, a sarvaziona e n'atru.

La morte di uno, la salvezza di un altro (mors tua vita mea).

 

A mugghjera e l'atri è sempi cchjù beddra.

La moglie degli altri è sempre più bella.

 

A mugghjera ti guarda nti mani, a mamma nta faccia.

La mogli ti guarda nelle mani, la mamma in faccia.

 

A notta porta cunsigghju.

La notte porta consiglio.

 

A'n'nu parmu du culu miu, mbrogghja chi vò.

Ad un palmo dal mio culo, imbrogli chi vuole.

 

A ogn'ataru c'è na crucia.

Ad ogni altare c'è una croce.

 

Ad ogne santu li vena'r'a festa.

Ad ogni santo viene la festa.

 

A omu ngratu e cavulu jurutu, chiru chi fa è tuttu perdutu.

A uomo ingrato e cavolo fiorito, quello che fai è tutto perduto.

 

A pagghja vicin'u focu appiccia.

La paglia vicino al fuoco s'accende.

 

A parola è strummentu.

La parola è rogito.

 

A parta du patrunu c'è sempi.

La parte del padrone c'è sempre.

 

A picata pija ddruvu c'è r'u doluru.

L'impiastro agisce dove c'è il dolore.

 

A pignata ntronata si pija tutt'i botti.

La pignatta incrinata prende tutte le botte.

 

A pigula: amaru ddruvu guarda e viatu ddruvu sta.

La civetta: funesto dove guarda e beato dove sta.

 

A piru scotulatu amaru chini cci ncappa.

A pero scrollato infelice chi vi incappa.

 

A porcheria cchjù a riminiji cchjù feta.

La porcheria più la rimescoli più puzza.

 

A porta si chjama porta.

La porta si chiama porta.

 

A pratica rumpi'r'a grammatica.

La pratica spacca la grammatica.

 

A prima fressurata è di guagnuni.

La prima spadellata è dei bambini.

 

A prima marita l'urtima.

La prima fa maritare l'ultima.

 

A prima vota si perduna, a sicunna s'averta, a terza si bastuna.

La prima volta si perdona, la seconda si avverte, la terza si bastona.

 

Ara coca a disbriga'r'u focu.

La cuoca la sbriga il fuoco.

 

Ara fera jamucci, ari patti stamucci.

Alla fiera andiamo, ai patti stiamo.

 

Ara gghjesa un ci vaju ca sugnu zzoppu, ara cantina cci vaju chjanu chjanu.

In chiesa non vado perché sono zoppo, alla cantina ci vado piano piano.

 

Ara Madonna assettu sia puru l'occhj.

Alla Madonna ben accetti siano anche gli occhi.

 

Ara mala vicina a pitta cchjù chjna.

Alla cattiva vicina la focaccia più piena.

 

Ara Santa Cannilora tutti l'oceddri vanu all'ovu.

Alla Santa Candelora tutti gli uccelli vanno all'uovo.

 

Ara tavula du Signuru cci campinu tutti.

Alla tavola del Signore sopravvivono tutti.

 

Ar'robba và e vena.

La roba va e viene.

 

A raggia da sira stipil'ara matina.

La rabbia della sera conservala per il mattino.

 

A raggiuna è di fissi.

La ragione è dei fessi.

 

A regina à'd'avutu bisognu da vicina.

La regina ha avuto bisogno della vicina.

 

Ari guagnuni un prumindiri cuddrareddri, ari santi un prumindiri vuti.

Ai bambini non promettere ciambelle, ai santi non promettere voti.

 

A santi vecchj un si'nn'appiccinu lampi.

A santi vecchi non si accendono ceri.

 

Ari signori un si duna restu.

Ai signori non si dà resto.

 

A ricotta si tagghja ccu'r'u curteddru no ccu'r'a frofficia.

La ricotta si taglia col coltello non con la forbice.

 

A'r'robba ncumunu è jettata aru vaddrunu.

La roba in comune è buttata per la valle.

 

A'r'robba vruscia com'u sangu.

La roba brucia come il sangue.

 

Aru cavaddru jestimatu li lucia'r'u pilu.

Al cavallo maledetto gli riluce il pelo.

 

Aru cavaddru chi ti mina'r'u caviciu, li po' tagghjari u pedu?

Al cavallo che ti tira il calcio, puoi tagliare il piede?

 

Aru friscu c'è San Frenciscu, aru sulu ci sun'i scurzuni.

Al fresco c'è San Francesco, al sole ci sono i serpenti.

 

Aru malu è jiri sulu, aru bonu è essiri chjamatu.

Al male deve andare spontaneamente, al bene devi essere invitato.

 

Aru munnu ci vò fortuna e all'ortu ci vò'r'a litama.

Al mondo ci vuole fortuna e all'orto ci vuole il letame.

 

Aru munnu, viatu chini si fa'r'i fatti soji.

Al mondo, beato chi si fa i fatti suoi.

 

Aru previtu un si dicinu tutti i peccati.

Al prete non si dicono tutti i peccati.

 

A rugna s'a ratta chin'a tena.

La rogna se la gratta chi la tiene.

 

A ruta setti mali stuta.

La ruta spegne sette malanni.

 

A scrufa lenta ara gghjanna si sonna.

La scrofa patita sogna di essere alla ghiandaia.

 

A stuppa ara banna du focu appiccia.

La stoppa vicino al fuoco s'accende.

 

A serva unn'escia mai sarva.

La serva non esce mai salva.

 

A sessant'anni jettil'a'm'maru ccu tutt'i panni.

A sessant'anni buttali a mare con tutti i panni.

 

A socira è comu na vipira ntu pettu.

La suocera è come una vipera nel petto.

 

A socira un'n'è bona mancu e crita, mancu aru facularu.

La suocera non è buona nemmeno di creta nemmeno al focolare.

 

A tavula è misa: chin'un mangia perdi'r'a spisa.

La tavola è imbandita: chi non mangia perde la colazione.

 

A torchja vò torciuta quannu è virda.

La torcia va ritorta quando è verde.

 

A trippa è nu ritunu: cchi cci minti cchjù cci capa.

La pancia è una grande rete: più ci metti più vi entra.

 

A Tutt'i Santi, a niva ari canti.

Per Ognissanti la neve nei canti.

 

A unu a unu linchjimu u saccu.

A uno a uno riempiamo il sacco.

 

A vacca c'un mangia nti voji, o prima o poji.

La vacca che non mangia con i buoi, o prima o poi.

 

A varca chi porta trenta porta trentunu.

La barca che porta trenta porta trentuno.

 

A Vemmarìa simu tutti guali.

All'Ave Maria siamo tutti uguali.

 

A vecchjaja è'n'na carogna.

La vecchiaia è una carogna.

 

A vertula du vicinu para sempi cchjù chjina.

La bisaccia del vicino pare sempre più piena.

 

A via mpara è'r'a cchjù curta.

La via piana è la più corta.

 

A' vistu mai nivicari a giugnu e subb'u maru ligari a niva?

Hai visto mai nevicare in giugno e fermarsi la neve sul mare?

 

A' vistu olivi fari gghjanna?

Hai visto mai ulivi produrre ghiande?

 

A' vistu villani mangiari chjappiri?

Hai visto mai villani mangiare capperi?

 

A vita è n'affacciata e finesta.

La vita è un'affacciata alla finestra.

 

A vita è na scala: chini scinna e chini nchjana.

La vita è una scale: chi scende e chi sale.

 

A vucca ti fà'd'amari e disamari; a vucca ti fa stari nta la genta.

La bocca ti fa amare e disamare; la bocca ti fa stare tra la gente.

 

A vurpa quann'un pò'd'arrivari all'uva dicia ch'è'd'acra.

La volpe quando non può arrivare all'uva dice ch'è acre.

 

Abbitu nun fa monicu e chjrica nun fa previtu.

Abito non fa monaco e chierica non fa prete.

 

Acqua chi curra nun porta velenu.

Acqua che scorre non porta veleno.

 

Acqua currenta un fa malu a'n'nenti.

Acqua corrente non fa male a niente.

 

Acqua e agustu, nta gutta mustu.

Acqua d'agosto, nella botte mosto.

 

Acqua passata nun macina mulinu.

Acqua passata non macina mulino.

 

Acquatina 'un linchja puzzi.

La rugiada non riempie pozzi.

 

Addreva figghj, addreva porci.

Alleva figli, alleva porci.

 

Agustu, disgustu.

Agosto, disgusto.

 

Aju saputu ca teni a tussa: mangia zzuccuru e melu ca ti passa.

Ho saputo che hai la tosse: mangia zucchero e miele che ti passa.

 

Ajutiti ca Diju t'ajuta.

Aiutati che Dio t'aiuta.

 

All'ortu e Diju mangi tu e mangiu iu.

All'orto di Dio mangi tu e mangio io.

 

Ama chi t'ama e respunna a chi ti chjama.

Ama chi t'ama e rispondi a chi ti chiama.

 

Ama cori gentili e perdici anni e ccu'r'i villani nun fari disigni.

Ama cuori gentili e dedicagli anni invece coi villani non fare progetti.

 

Ama cori gentili e sia na vecchjia, mangia carna e pinna e sia curnacchja.

Ama cuori gentili e sia pur vecchia, mangia carne di pennuto e sia cornacchia.

 

Amaru chi critica e viatu u criticatu.

Infelice chi critica e beato il criticato.

 

Amaru chin'è de dari, viatu chin'è de ricogghjri.

Infelice chi deve dare, beato chi deve raccogliere.

 

Amaru chi si fa chjecchjariari: jurnu e paravisu nun'ni vida.

Infelice chi si fa beffare: giorno di paradiso non ne vede.

 

Amaru chini mora ca chini resta si conza'r'a minesta.

Infelice è chi muore perché chi resta si aggiusta la minestra.

 

Amaru chini si minta ara vucca du munnu.

Misero chi si mette sulla bocca del mondo.

 

Amaru chini tena'r'u previtu ara ruga: u vicinatu un si'n'ni vida beni.

Sventurato chi ha il prete nel rione: il vicinato non se ne vede bene.

 

Amaru chini un'n'à'r'a casa suja ca mancu mangia all'ura suja.

Misero chi non ha casa propria perché nemmeno mangia all'ora giusta.

 

Amaru chini un fa cinnira aru focularu soju.

Misero chi non produce cenere al proprio focolare.

 

Amaru è l'ominu chi s'arripezza sulu e si crida ca de novu s'è vestutu.

Infelice l'uomo che si rattoppa da solo e crede di essersi procurato un vestito nuovo.

 

Amaru u picculu chi va ntu rannu.

Infelice il piccolo che finisce nel grande.

 

Amicu ccu tutti intimu ccu nessunu.

Amico di tutti intimo di nessuno.

 

Amicu un ti fidari e l'atru amicu: vena'r'u jurnu ca ti lu fai nimicu e'r'i segreti toji ti caccia fora.

Amico non ti fidare dell'altro amico: viene il giorno che ti diventa nemico e i tuoi segreti svela.

 

Ammancunu i forzi e criscia'r'a tigna.

Diminuiscono le forze e cresce la tigna.

 

Ammazza cchjù na lingua ca na spata.

Ammazza più la lingua della spada.

 

Ammazzami ma jettimi nti meji.

Ammazzami pure ma mischiami coi miei.

 

Amuru ccu amuru si paga.

L'amore con amore si ripaga

 

Amuri, gravidanza e zoppicari e pedi: ammuccia quantu vò ca sempi para.

Amori, gravidanza e zoppia dei piedi: nascondi quanto vuoi che sempre appare.

 

Animali vecchj morinu a casa e gnoranti.

Gli animali vecchi muoiono a casa degli ignoranti.

 

Appress'u risu vena'r'u chjantu.

Al riso tiene dietro il pianto.

 

Abbrilu: acqua tili tili.

Aprile: acqua come tele.

 

Abbrilu chjovusu maju ventusu l'annu è fruttusu.

Aprile piovoso maggio ventoso l'anno è fruttuoso.

 

Abbrilu e maju sunu a chjava e tuttu l'annu.

Aprile e maggio sono la chiave di tutto l'anno.

 

Abbrilu far'u juru e maju n'à l'onuru.

Aprile fa il fiore e maggio ne ha l'onore.

 

Abbrilu lassimi dormiri, maju lassimi stari.

Aprile lasciami dormire, maggio lasciami stare.

 

Abbrilu, misu gentilu, caccia'r'a donna du cinnarinu o puramenti cci'a fa mintiri.

Aprile mese gentile allontana la donna dal ceneraccio oppure ve l'avvicina.

 

Arbiru chi ti chjami salacunu quannu maj aru munnu à fattu beni.

Albero che ti chiami salice quando mai al mondo hai fatto del bene.

 

Aria e vena ara Cutura, ranu fortu ara Palummara.

Aja d'avena alla Cutura, grano forte alla Palummara.

 

Aria serena nun si spagna de troni.

L'aria serena non teme i tuoni.

 

Armamuni e jati.

Armiamoci e partite.

 

Arrobba quantu vò'r'u cchjù latrunu: a megghja parta è sempi du patrunu.

Rubi quanto vuole il più ladrone: la parte maggiore è sempre del padrone.

 

Arta ccu'd'arta e pecuri aru lupu

Arte con arte e pecore al lupo.

 

Attacca 'u ciucciu ddruvu dicia'r'u patrunu

e ch'i lupi su pozzinu mangiari ccu tutt'u mmastu e'r'i carricaturi.

Lega l'asino dove dice il padrone

e che possano mangiarselo i lupi con tutto il basto ed il cordame.

 

A'vogghja nun mi fai lu strica e lava: u santu ch'è de marmiru nun suda.

Hai voglia di strofinare e di lavare: il santo ch'è di marmo non trasuda.

torna all'indice