Home Libro Canzoni Ascolto canzoni d'amore Altre canzoni Chitarra battente
Tradizioni religiose Aggiornamenti Etimologie Fotoparole Filastrocche L'autore del sito
Disegni Paesaggi   L'@rtesino   Libro Proverbi
PROVERBI CALABRESI DALLA A ALLA ZETA

LETTERA U

U beni da mamma nun si scorda mai.

L'amore della mamma non si scorda mai.

 

U beni fallu a Diju ca Diju t'u renna.

Il bene fallo a Dio che Dio te lo rende.

 

U beni un si ventuma s'un si perda.

L'amore non si ricorda se non si perde.

 

U beni vena du beni.

Il bene viene dal bene.

 

U bisognu ti mpara'r'a via.

Il bisogno ti insegna la via.

 

U bisognusu è prisentusu.

Il bisognoso è presuntuoso.

 

U bisognusu un'n'è mai cuntentu.

Il bisognoso non è mai contento.

 

U bon tempu si vida da matina.

Il bel tempo si vede dal mattino.

 

U bon tempu è comu u bon'omu.

Il bel tempo è come il buon uomo.

 

U cacatu si fa gabbu du pisciatu.

Chi si è cacato addosso si fa meraviglia di chi si è pisciato.

 

U canu muzzica sempi aru strazzatu.

Il cane morde sempre lo straccione.

 

U canu muzzicaturu cchjiù n'abbusca ca nni duna.

Il cane avvezzo a mordere più ne busca che ne dona.

 

U cantari è de veniri e coru.

Il canto deve venire dal cuore.

 

U castigu è mparamentu.

Il castigo è apprendimento.

 

U cerveddru e l'omu è nu velu e cipuddra.

Il cervello dell'uomo è un velo di cipolla.

 

U ciucciu ch'è mparatu ara fatiga tannu si'n'ni scorda quannu mora.

L'asino ch'è abituato a lavorare si disabitua solo quando muore.

 

U ciucciu cun s'abbutta'r'u misu e maju un s'abbutta cchjù.

L'asino che non si sazia nel mese di maggio non si sazia più.

 

U ciucciu chjama ricchji longu aru cavaddru.

L'asino da dell'orecchie lunghe al cavallo.

 

U ciucciu prisentusu s'avanta sulu.

L'asino presuntuoso si vanta da solo.

 

U ciucciu ragghja ca vò'r'a pagghja.

L'asino raglia perché vuole la paglia.

 

U chjuritu du culu è cchjù fortu du terramotu.

Il prurito del culo è più forte del terremoto.

 

U coru e l'ominu è nu voscu.

Il cuore dell'uomo è un bosco.

 

U cristianu vò'r'u reggiru a fatiga a vonu i ciucci.

Il cristiano richiede il raziocinio la fatica è degli asini.

 

U culu vò mparatu quannu è sulu ca quannu è accumpagnatu ti fa trovari sbrigognatu.

Il culo si educa quando è da solo, quando è in compagnia ti svergogna.

 

U cummannari è n'arta leggia.

Comandare è un mestiere facile.

 

U diavulu quannu t'accarizza vò l'anima.

Quando il diavolo t'accarezza vuole l'anima.

 

U diavulu un tena pecuri e vinna lana.

Il diavolo non ha pecore e vende lana.

 

Un fari beni ca ricivi malu.

Non fare bene perché ricevi male.

 

U ferru vò vattutu quannu è cavidu.

Il ferro va battuto quando è caldo.

 

U friddu e marzu o ti pungia o t'ammazza.

Il freddo di marzo o ti punge o t'ammazza.

 

U fujiri è vrigogna ma è sarvazziona e vita.

La fuga è vergogna ma salva la vita.

 

U lassari e'r'u pijari fora via ti fa jiri.

Lasciare e prendere ti porta fuori strada.

 

U latru c'arrobba all'atru latru su cosi chi nni cianginu i petri.

Il ladro che ruba all'altro ladro son cose da far piangere i sassi.

 

U latru si guarda'r'a vertula-

Il ladro si preoccupa della bisaccia.

 

U lettu allittira.

Il letto alletta.

 

U lettu fa duji cosi s'un dormi ti riposi.

Il letto fa due cose se non dormi ti riposi.

 

U lignu virdi manteni'r'u focu.

Il legno verde sostiene il fuoco.

 

U lupu ch'è mparatu ari gridati gridulu quantu vò ch'è sempi chiru.

Il lupo che è abituato alle gridate sgridalo quanto vuoi ch'è sempre quello.

 

U lupu perda'r'u pilu ma u vizzu mai.

Il lupo perde il pelo ma il vizio mai.

 

U malu ddruvu nascia fa'r'u dannu.

Il male dove nasce fa il danno.

 

U malu pruvvidutu u pruvvida Diju.

A chi è senza mezzi provvede Dio.

 

U maritu ccù'r'u carru e'r'a donna ccù guantera pocu dura e prestu pera.

Il marito con il carro e la donna col vassaio poco dura e presto perisce.

 

U matrimoniu un'n'è na pezza ca si scusa.

Il matrimonio non è una pezza che si scuce.

 

U medicu pietusu fa'r'a chjaga verminusa.

Il medico pietoso rende la piaga verminosa.

 

U medicu studìa e'r'u malatu si'n'ni va.

Il medico studia e il malato se ne va.

 

U medicu t'ammazza e nun ti paga.

Il medico ti ammazza e non ti paga.

 

U megghju ca vò fari statti schettu e un ti nzurari.

Il meglio che puoi fare resta single e non ti sposare.

 

U megghju fucili fa'r'a peja botta.

Il miglior fucile fa la peggiore botta.

 

U megghju affaru è chiru chi sgarra.

Il miglior affare è quello che fallisce.

 

U melu ara vucca e'r'u felu aru coru.

Il miele sulla bocca ed il fiele nel cuore.

 

U melu nun'n'è fattu ppè'r'u ciucciu.

Il miele non è fatto per l'asino.

 

U menu chi sa è'r'u cornutu.

Chi ne sa di meno è il cornuto.

 

U mercantu chiru chi tena vinna.

Il mercante quello che ha vende.

 

U minzognaru è de teniri bona mimoria.

Il bugiardo deve avere buona memoria.

 

U munnu è fortu a passari comun na capa e chjovu a rusicari.

Il mondo è duro da attraversare come una testa di chiodo da rosicchiare.

 

U munnu è na rota chini navica e chini va nfunnu.

Il mondo è una ruota: chi naviga e chi sprofonda.

 

U munnu ti dimunna.

Il mondo ti toglie dal mondo.

 

U pacciu fa'r'a festa e u saviu paga.

Il pazzo fa festa e il savio paga.

 

U panu mmucatu fa crisciri i capiddri.

Il pane ammuffito fa crescere i capelli.

 

U patrunu à'd'avuto bisognu du garzunu.

Il padrone ha avuto bisogno del garzone.

 

U pedu chi troppu annà malanova ara casa portà.

Il piede che troppo andò mala nuova a casa portò

 

U pecuraru c'un'n'à gulìa e mungiri abbucca'r'i sicchji.

Il pastore che non ha voglia di mungere fa traboccare i secchi.

 

U pecuraru diciva: ccà mi mbruna e ccà mi scura.

Il pastore diceva: qua mi imbrunisce e qua mi fa buio.

 

U pecuraru disija'r'a ricotta.

Il pastore desia la ricotta.

 

U pentiri e doppu pocu giova.

Pentirsi dopo giova a poco.

 

U piaciru du ciucciu è'r'a gramigna e chiru du cavaddru è l'erva longa.

Il piacere dell'asino è la gramigna quello del cavallo è l'erba alta.

 

U piducchju mbarinatu si senta capu mulinu.

Il pidocchio infarinato si sente capo mugnaio.

 

U pignataru minta'r'u manicu ddruvu vò.

Il vasaio mette l'ansa dove vuole.

 

U piru quann'è maturu un c'è bisognu du scotulari.

Il pero quando è maturo non occorre scuoterlo.

 

U pisciu bonu un'nescia fora e l'acqua.

Il pesce buono non esce fuori dall'acqua.

 

U pisciu feta da capa.

Il pesce puzza dalla testa.

 

U pisciu rannu mangia'r'u picculu.

Il pesce grande mangia il pesce piccolo.

 

U punentu amminazza e nun fa nenti.

Il vento di ponente minaccia e non fa niente.

 

U porcu si spinna quannu è mortu.

Il porco si spela quando è morto.

 

U primu panu è benidittu.

Il primo pane è benedetto.

 

U puddritu c'un fa'r'a cuda doppu tre anni un'n'a fa cchjù.

Il puledro che non ha la coda dopo tre anni non l'avrà più.

 

U puricinu vò pizzulari u culu ara jocca.

Il pulcino vuole beccare il culo alla chioccia.

 

U regalu è magaria.

Il regalo è sortilegio.

 

U risu ti mantena n'ura tisu.

Il riso ti mantiene un'ora teso.

 

U santu cchjù u preghi cchjù ntosta.

Il santo più lo preghi più indurisce.

 

U santu prima reciva e po' spenna.

Il santo prima riceve e poi distribuisce.

 

U sulu a chini vida scarfa.

Il sole chi vede riscalda.

 

U sulu sicchi'r'i fichi.

Il sole secca i fichi.

 

U suverchju è comu u mancantu.

Il soverchio è come il mancante.

 

U suverchju rumpi'r'u cuverchju.

Il soverchio rompe il coperchio.

 

U taciri è virtù: viatu a chini si'n'ni serva.

Il tacere è virtù: beato chi se ne serve.

 

U tempu è'r'u mastru e l'opira.

Il tempo è il maestro dell'opera.

 

U tempu l'avimu, a gaccia tagghja: centu pali emu e fari.

Il tempo l'abbiamo, la scure taglia: cento pali dobbiamo fare.

 

U tritrulu scivula sempi nculu all'ortulanu.

Il cetriolo scivola sempre in culo all'ortolano.

 

U troppu stroppia.

Il troppo storpia.

 

U vinu bonu finu ara fezza dura.

Il vino buono dura fino alla feccia.

 

U voju chjama cornutu aru ciucciu.

Il bue chiama cornuto l'asino.

 

Un cada curina e l'albiru s'un c'è voliri e Diju.

Non cade fronda dall'albero se non lo vuole Dio.

 

Un c'è'd'amicizza chi dura ppè sempi, un c'è povertà chi dura n'eternu.

Non c'è amicizia che dura per sempre, non c'è povertà che dura in eterno.

 

Un c'è'd'artaru senza cruci un c'è matrimoniu senza vuci.

Non c'è altare senza croci non c'è matrimonio senza voci.

 

Un c'è megghju specchju è l'amicu vecchju.

Il migliore specchio è l'amico vecchio.

 

Un c'è pampina ca si mova s'un c'è ventu e Diju.

Non c'è foglia che si muove senza vento di Dio.

 

Un c'è porta senza chjovi un c'è casa senza doli.

Non c'è porta senza chiodi non c'è casa senza dolori.

 

Un cridiri aru santu s'un vidi a festa.

Non credere al santo se non vedi la festa.

 

Un cuntari segreti ara mugghjera, un ti fari cumparu u sbirru.

Non raccontare segreti alla moglie non farti compare lo sbirro.

 

Un m'avanta nuddru e m'avantu jè.

Non mi vanta nessuno e mi vanto io.

 

Un si sputa ntu piattu ddruvu si mangia.

Non si sputa nel piatto dove si mangia.

 

Un ti partiri da casa tuja senza spisa.

Non partire da casa tua senza colazione.

 

Un ti piji s'un t'assimigghji.

Non ti prendi se non ti assomigli.

 

Un toccari i cani ca dormunu ca mancu ti muzzicanu.

Non toccare i cani che dormono che nemmeno ti mordono.

 

Un si vò né divertiri né fari a guardia.

Non si vuole divertire né far la guardia.

 

Un te fari pijari i jiti ara cascia.

Non farti schiacciare le dita nella cassapanca.

torna all'indice